In questi giorni la città di Pozzuoli, ( Na ) sta vivendo un dramma casa che riguarda oltre 200 persone. A vario titolo, ma in ogni caso illegalmente, queste famiglie ( italiane e non extracomunitarie!!!!) hanno occupato dei containers in zona Arco Felice, a confini del Rione Gescal, e vi hanno vissuto per trent’anni, sotto gli occhi di tutti, di cittadini comuni, forze dell’ordine, amministratori che si sono succeduti. in questa terra di nessuno non si pagavano tasse, luce, gas, acqua. Sono nati figli e nipoti, in quelle ” case” sempre più approssimative, piene di amianto che hanno ammorbato l’aria, ammalato la gente che li ha abitati. 48 prefabbricati che sono un arcipelago di marginalità, di disagio, di persone in cerca di una dignità. Cosa dà dignità ad una persona? Un lavoro, una casa, la speranza di poter avere qualcosa di più dalla propria vita. In quelle case, rabberciate, come abiti sdruciti, costruite all’epoca del bradisismo per essere transitorie, si sono impantanate vite e sogni. Eppure quelle persone, in quelle case di amianto, hanno elevato barricate, si sono ribellate alle forze dell’ordine giunte ieri a sgomberare il ” quartiere fantasma”, per tenersi stretto un fio di dignità, quel tetto sulla testa, anche se sbilenco. Non sono le favelas brasiliane, non sono i quartieri di Bombay, è la civilissima Italia, è l’Europa in cui esistono persone che non hanno diritto alla casa e se lo costruiscono nell’illegalità questo diritto che è il passaporto della dignità. Alcune famiglie non hanno soldi per fittare una casa, altre sono in lista da anni per l’assegnazione di case popolari mai terminate, altri ancora forse si sono rivenduti le abitazioni assegnate. Quanto costa la dignità se la si può barattare con la propria vita? L’Italia civilissima proiettata nell’ Europa 2020 è piena di abitazioni occupate abusivamente, di case costruite nei ballatoi dei palazzi e negli scantinati come a Scampia e Corviale a Roma. Quanto vale la dignità di queste persone? Vale quanto il voto che sapranno dare al politico di turno? Il dramma casa è la cartina tornasole del grado di civiltà di una popolazione, ci dice in che direzione andiamo e che futuro ha davanti a sè una nazione. Perchè in quelle case di amianto sgomberate e abbattute, in tutte le abitazioni ” occupate”, requisite spesso col placet della camorra, ci sono bambini e giovani. Quanto costa la loro dignità? Ed intanto si spera che il “quartiere” d’amianto di Pozzuoli sia abbattuto completamente. Altrimenti c’è da giurarci che da qui a poco altre famiglie più disperate, più degradate, andranno ad occuparle. Fino a quando non sottrarremo la dignità dell’individuo all’ingiustizia sociale.

Si lasciano mai le case dell’infanzia? Mai: rimangono sempre dentro di noi, anche quando non esistono più, anche quando vengono distrutte da ruspe e bulldozer, come succederà a questa.
(Ferzan Ozpetek)

Matilde Iaccarino

Nasce a Pozzuoli (Na), è giornalista, saggista e scrittrice. Insegna letteratura al liceo. Appassionata di letteratura ed è impegnata da molti anni nella ricerca storica.

No Comments Yet

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com